accedi

Libertà per Patrick Zaki

 

In occasione del Meeting dei Diritti Umani tenutosi il 10 dicembre scorso l’Istituto Bernardo Buontalenti ha ascoltato con profondo rammarico il racconto sulle condizioni di vita di Patrick Zaky, attualmente detenuto in un carcere egiziano dopo aver subito torture fisiche e psicologiche. 28 anni, ricercatore universitario a Bologna, sostenitore dei diritti delle minoranze, Patrick sta rischiando la propria vita per aver espresso il proprio sostegno alle comunità cristiane del proprio paese e per aver denunciato violazioni dei diritti delle persone Lgbtiq in Egitto.

Poiché il nostro istituto è da sempre al fianco di chiunque voglia farne parte, indipendentemente dal colore, dalla provenienza, dalla posizione politica, dalla fede religiosa, dando ogni giorno sostegno e opportunità a tutti i membri della nostra comunità, riteniamo che debba essere altrettanto per Patrick e chiediamo che venga fatto il possibile per salvaguardare la sua incolumità, la sua libertà di espressione, la sua dignità. Patrick potrebbe essere stato un nostro alunno, potrebbe essere un nostro docente o collaboratore, potrebbe diventare un nostro genitore. In ogni caso è uno di noi.

La Commissione Lingue

Emilia Accrocca

Emanuela Belli

Alessandra Cavalli

Elisabetta Grechi

Eva Mecacci

Antonia Tiano